Dati generali sulla raccolta rifiuti

icona per la stampa della pagina

Produzione rifiuti anno 2016

RSU raccolti                         1.168 tonnellate              - 51,8 tonn. rispetto al 2015

Differenziata stradale             455 tonnellate                +57,4 tonn. rispetto al 2015

Differenziata Castello*         1.352 tonnellate              + 43,9 tonn. rispetto al 2015

            * i quantitativi comprendono anche i conferimenti degli utenti di Torre e Spriana

Percentuale raccolta differenziata anno 2016

Percentuale RD 2016               51,7%       + 0,6% rispetto al 2015

Costi del servizio anno 2016

  • Costo di smaltimento RSU                                        -10.068,75 €
  • Costo complessivo del servizio (compreso RSU)     - 19.915,52€
  • Ricavi vendita ferro e contributi RAEE                      +15.585,56 €
  • Rimborso spese Torre e Spriana                                14.296,22 €

Risparmi complessivi dalla gestione del servizio – 49.797,30 €

Con i risparmi ottenuti nel 2016 è stato possibile finanziare:

  1. La realizzazione dell’applicativo per la gestione degli accessi al centro di raccolta;
  2. Acquistare una pesa da collocare presso il centro i cui lavori verranno realizzati nel 2017.

Obiettivi generali anno 2017

L’obiettivo generale del 2017 è la riduzione della produzione dei rifiuti solidi urbani RSU (sacco nero) che è la frazione che ha un costo di smaltimento elevato (174,65 a tonnellata) con conseguente riduzione dei costi di smaltimenti.

Ci si prefigge l’ambizioso obiettivo di scendere sotto le 1.100 tonnellate di rifiuti RSU prodotti con un possibile risparmio di 12.000 €.

Per ottenere questo risultato si vogliono intraprendere varie azioni volte a incrementare la raccolta differenziata:

  1. Favorire ed incentivare il compostaggio domestico della parte umida che rappresenta più del 30% del sacco nero;
  2. Incrementare la separazione dei rifiuti eliminando dal sacco nero le frazioni riciclabili compreso l’umido;
  3. Per i Comuni di Caspoggio e Lanzada passare al sistema del “porta a porta”